Solvay in Italia

  Entrance of Bollate Site Click to enlarge

Il Gruppo Solvay ha raggiunto 154 anni di storia industriale: è stato fondato in Belgio da Ernest Solvay nel 1863. Oggi, con headquarters a Bruxelles, è attivo a livello internazionale nel settore chimico e delle materie plastiche ed è operativo con 140 siti in 58 Paesi, con una forza lavoro di circa 27.000 unità. Nel 2016 ha realizzato un fatturato netto di 10.9 miliardi di euro.

Dopo l’acquisizione della società Rhodia, avvenuta nel 2011, il Gruppo Solvay è diventato un “major leader” chimico mondiale,  con il 90% delle vendite nei mercati dove è tra i 3 top global leader.

Nel dicembre 2015, ha realizzato un’altra importante acquisizione: la società Cytec, che opera a livello internazionale ed è specializzata nel settore delle forniture per l’industria aereospaziale. Ciò  ha consentito un potenziamento della capacità di offerta negli Advanced Materials e una ulteriore penetrazione nei mercati ad elevate tecnologie. Cytec è un Gruppo americano e ha uno stabilimento anche in Italia, a Mondovì –Cuneo- in Piemonte. Viene così incrementata ulteriormente la presenza industriale di Solvay nel nostro Paese.

Solvay in Italia ha celebrato 105 anni di attività: è presente infatti dal 1912 con il primo storico insediamento produttivo in Toscana, nell’area di Rosignano Solvay, che opera nella realizzazione di prodotti chimici fondamentali per tantissimi settori industriali , oltre a produrre il famoso bicarbonato di sodio.             

Oggi è uno dei più importanti gruppi chimici in Italia. Opera con 8 stabilimenti e la Direzione Nazionale che è situata a Bollate nei pressi di Milano, dove lavorano 438 dipendenti.                        

La forza lavoro italiana complessiva degli 8 siti è di circa 2.000 unità. Le varie aziende in Italia hanno realizzato nel 2016 un fatturato di 1.350 milioni di euro. Solvay in Italia sviluppa le varie produzioni chimiche e plastiche del Gruppo, di cui rappresenta circa il 10% dell’attività internazionale, caratterizzandosi come uno dei paesi più significativi in cui opera. 

Gli stabilimenti Solvay italiani sono localizzati a: Bollate - Mi, Ospiate -MI- , Spinetta Marengo - AL, Mondovì – CN, Porto Marghera – VE, Livorno, Massa, Rosignano Solvay – LI.

Gli investimenti nei vari siti italiani si quantificano in circa 100 milioni/anno di euro, divisi fra modernizzazione delle tecnologie, interventi per l’impatto ambientale, manutenzioni mirate all’eccellenza produttiva, progetti speciali per la realizzazione di nuovi impianti, produzione e gestione dell’energia. 

Solvay Italia ha recentemente ricevuto da Sodalitas Assolombarda il Premio “Best in class: crescita e sostenibilità” grazie ai propri concreti investimenti nel perseguire progetti di Sustainable Developement.

Il gruppo Solvay

Solvay è un'azienda che opera nel settore dei materiali avanzati ed ad elevate prestazioni, impegnata a sviluppare soluzioni per le principali sfide che la società contemporanea si trova ad affrontare. Per sua natura innovativa, Solvay collabora con i clienti a livello globale in diversi mercati finali. I suoi prodotti trovano impiego su aeromobili, auto, batterie, smart devices, apparecchiature mediche, strumenti per l’estrazione mineraria e petrolifera, sempre a favore dell'efficienza e della sostenibilità. I suoi materiali ultraleggeri consentono una mobilità meno inquinante, i suoi preparati ottimizzano l'uso delle risorse e i suoi prodotti chimici ad alte prestazioni contribuiscono a migliorare la qualità dell'aria e dell'acqua. Il quartier generale di Solvay si trova Bruxelles e il gruppo conta circa 24.500 dipendenti in 61 paesi. Il fatturato netto del 2017 ammonta a € 10,1 miliardi, il 90% del quale proveniente da attività che collocano Solvay fra le prime tre aziende leader mondiali, per un margine operativo lordo che si attesta al 22%. Solvay SA (SOLB.BE) è quotata all'Euronext di Bruxelles e Parigi (Bloomberg: SOLB.BB- Reuters: SOLB.BR). In USA le sue azioni (SOLVY) sono negoziate tramite un programma ADR di livello 1. (Le cifre tengono conto della cessione della divisione poliammidi).